Il vecchio rapito dal cielo

3 commenti:

  1. Tra i tuoi lavori più intensi, per quanto mi riguarda.
    Si avverte qualcosa di simile a una disfatta e a un orgolioso atto di volontà nello stesso tempo, e nello stesso corpo. L'espressione della faccia a sinistra sembra subire i capricci di Atropo, di Dio o chi per loro: testa reclinata, occhi chiusi, resa incondizionata. L'altra faccia regge invece lo sguardo del cielo, tra l'incredulità e la sfida.
    Mi piace molto, poi, come hai saputo rovesciare l'immagine tradizionale secondo cui, nel momento estremo, il filo della vita viene tagliato. Qui accade il contrario: diversi fili 'arpionano' l'uomo che, è lecito supporre, sta per staccarsi da terra.
    Peccato non poter inquadrare il cielo, illuminare la cabina di regia...
    Mille complimenti!

    Ecco, ora che ho fatto il bravo ragazzo con 'st'odioso tono da improbabile critico d'arte mi riapproprio del dialetto per riconfermarti che, de', sei bravissima. E che sarebbe carino che tu ti teletrasportassi qua. Un bacio rosso, Sofì :*

    Marco G.

    RispondiElimina
  2. Siguen gustándome mucho tus dibujos y esa acuarela que imprimes en el papel, salud y que sigas así

    txemacan

    RispondiElimina