Che il mio albero si tinga di Rosso


2 commenti:

  1. sai Sofia,a dispetto di quanto possa dirti,della tecnica o di altro,tu dipingi piccoli sogni,non sempre i sogni posson esser gradevoli,ma ti portano sempre in una sospensione lontana dal peso di questa materia terrena,pochi segni,poco colore,eppure,le tue immagini portano via in terre lontane,non una sola visione è sufficiente per sorbirne il pensiero e la poesia,tu sai far brillare fogli per loro natura diventati opachi con quel tuo intimo mistero che trova radici nel tuo silenzio,un silenzio che è come la volta celeste,apparentemente immobile,eppur vivo e in continua mutazione,tu crei piccoli tesori,come le stelle nella notte ad illuminare il buio,a dar luce all'anima di chi sa cogliere tali delicatezze,come la luce fugace dei tuoi occhi.

    RispondiElimina
  2. ..Grazie Alan, nessuno aveva mai espresso tanta delicatezza nel commentare il mio lavoro pittorico. Forse è necessario avere la capacità di Sentirle, di sciogliersi in quelle macchie e di rinascere in quei tratti precisi che corrono in alto, verso un campo già indefinito per sua natura. Accade di tutto in questi piccoli mondi, ma è sempre l'indefinibilità a prevalere, l'emozione a placare i moti razionali, le vampate sentimentali ad essere interiorizzate in un processo creativo che le porta dritte al loro punto d'origine, fino a svelarne il segreto.

    Grazie, di cuore.. per la capacità di lettura che hai saputo offrirmi.

    RispondiElimina